Inizio prima di iniziare

Con tutto questo inseguo un'idea...
L'idea e' di fare un viaggio, come quelli che si facevano prima, lenti lenti, in cui si poteva osservare tutto e godere di tutto.
Questo viaggio lo faro' col mio longskate, seguendo le strade costiere della sardegna fermandomi per surfare ogni volta che ci sono onde.
Dove voglio arrivare? non lo so, andro' avanti per 20/25 giorni a partire dai primi giorni di agosto e non mi metto una meta', perche' porterebbe alla fretta e denaturerebbe il tutto.
La partenza e' da Villacidro (CA) e mi (ci?) seguira' uno o due furgoni di supporto.
Mi piacerebbe che chiunque voglia condividere questa esperienza con me non esitasse a contattarmi...
Mi piacerebbe che fossimo in tanti a skateare per quelle strade per poi buttarci in acqua e bere una birra la sera, poter godere del vento,del mare e delle immagini con cui la Sardegna riesce sempre a stupirmi.
Ogni giorno del mio viaggio aggiornero' questo blog ed indichero' la mia posizione in modo tale che chiunque si voglia unire al viaggio anche per soli pochi km lo possa fare, e sara' il benvenuto!
Per qualsiasi cosa (info, supporto ed insulti) contattatemi all'indirizzo info@alessandromurgia.it
Grazie

domenica 4 dicembre 2016

Giovani: ancora fondi disponibili per i giovani fino a 29 anni, che vogliono mettersi in proprio. "Selfiemployement" è un finanziamento a tasso zero, 25.000, 35.000 a 50.000 euro senza garanzie. Domande a sportello fino ad esaurimento fondi.

Informazioni

Appuntamenti

Abbonamenti

 

 

Sardegna  ContributiTUTTI I CONTRIBUTI E LE AGEVOLAZIONI FINANZIARIE PER LE IMPRESE IN SARDEGNA

 


Spett. Andsoforever Droponsardegna, 

Vi inviamo la newsletter con le ultime novità in materia di agevolazioni finanziarie per le imprese.

Non esitate a contattarci per informazioni.

Chiedi Informazioni

Giovani: ancora fondi disponibili per i giovani fino a 29 anni, che vogliono mettersi in proprio. "Selfiemployement" è un finanziamento a tasso zero, 25.000, 35.000 a 50.000 euro senza garanzie. Domande a sportello fino ad esaurimento fondi.

SELFIEMPLOIEMENT.GIOVANI.NEED.UNDER.29LA MISURA SELFIEMPLOYMENT: valida per tutta l'Italia, prevede finanziamenti agevolati senza interessi e non assistiti da nessuna forma di garanzia reale e/o di firma, a sostegno di iniziative di autoimpiego ed autoimprenditorialità.
A partire dal 12 settembre 2016 sono stati ampliati i requisiti per accedere al Fondo SELFIEmployment.
BENEFICIARI: Le domande di agevolazione possono essere presentate a Invitalia anche da giovani NEET, (giovani che non lavorano e che non studiano) fino a 29 anni, che hanno aderito al Programma Garanzia Giovani, anche se non hanno partecipato o completato il percorso di accompagnamento finalizzato all’autoimprenditorialità.
PROPONENTI: IMPRESE GIA COSTITUITE O ANCHE NON ANCORA COSTITUITE: - Imprese individuali, Società di persone e Cooperative con un numero di soci fino a 9 costituite, nei 12 mesi antecedenti alla presentazione della domanda, purché inattive, o non ancora costituite; - associazioni professionali, società tra professionisti costituite da non più di 12 mesi rispetto alla data di presentazione della domanda purché inattive.
LE AGEVOLAZIONI FINANZIARIE: un finanziamento senza interessi e senza garanzie personali, che può arrivare alla copertura del 100% del programma di spesa, da restituire in 7 anni.
MODALITA' DEL FINANZIAMENTO: Il finanziamento si può articolare in 3 modalità:
- 1) MICROCREDITO, per iniziative con piani di spesa inclusi tra i 5.000 ed i 25.000 euro;
- 2) MICROCREDITO ESTESO, per iniziative con piani di spesa inclusi tra i 25.000 ed i 35.000 euro;
- 3) PICCOLI PRESTITI, per iniziative con piani di spesa inclusi tra i 35.000 ed i 50.000 euro.
SPESE AMMESSE:- l’acquisto di beni strumentali necessari per losvolgimento dell’attività; - beni immateriali ad utilità pluriennale; - ristrutturazioni di immobili; -Spese di gestione per l’avvio dell’attività: - materie prime, materiali di consumo, -semilavorati, prodotti finiti, utenze; -canoni di locazione; - prestazioni di garanzie assicurative; -- personale dipendente e collaboratori.
DOMANDE: PROCEDURA APERTA. MISURA A SPORTELLO FINO AD ESAURIEMNTO FONDI.

Chiedi Informazioni

Leggi tutto


Sardegna: Pubblicato il Bando Promozione delle Medie e PMi in forma singola nei mercati esteri. Contributo a fondo perduto fino al 75%. Domande dal 10 gennaio 2017.

SARDEGNA.POR.PROMOZIONE.MERCATI.ESTERI.250SARDEGNA: “Competitività delle imprese” - Promozione nei mercati esteri in forma singola
L’Assessorato dell’Industria comunica che dalle ore 12.00 del 10 gennaio 2017 e fino alle ore 12.00 del 30 novembre 2017 sono aperti i termini per la presentazione delle domande di accesso all’avviso in favore delle Mpmi in forma singola.
FINALITA': aumento della competitività attrraverso aiuti per piani dI internazionalizzazione presentati da imprese operanti in Sardegna,
BENEFICIARI: Micro  Piccole e Medie imprese in forma singola.
SPESE AMMESSE: Le agevolazioni verranno concesse per:
- servizi di consulenza prestati da consulenti esterni;
- locazione, installazione e gestione stand per partecipazione a fiere e/o a eventi collaterali alle fiere;
- spese di trasferta qualora collegate ad eventi istituzionali inseriti nei calendari della Regione, del MISE o dell’ICE;
- spese per la realizzazione di educational tour, realizzazione di campagne e strumenti promozionali.
MASSIMALE: Ammontare delle spese ammesse: Minimo Euro 15.000 fino a un massimo di euro 150.000
CONTRIBUTO: Contributo a fondo perduto calcolato sulle spese ammissibili fino al 75%, di cui ai sensi del Reg. n. 651/2014 intensità fino al 50%, e ai sensi del Reg. n. 1407/2013 intensità fino al 75%.
RISORSE: le risorse finanziarie disponibili ammontano a euro 2.000.000.
DOMANDE :Le domande possono essere presentate dal giorno 10 gennaio 2017 dalle ore 12.00
Le domande di accesso saranno istruite secondo l’ordine cronologico di invioconprocedura valutativa a sportello o graduatoria.



Sardegna: aperte Le adesioni per la partecipazione alla fiera FEXPO di Zurigo.

FESPO.ZURIGOFIERA FEXPO DI ZURIGO: Sardegna, aperte Le adesioni per la partecipazione alla fiera FEXPO di Zurigo.
Prosegue il calendario delle manifestazioni fieristiche organizzate dall’Assessorato del Turismo  con la fiera FEXPO che si svolgerà a Zurigo dal 26 al 29 gennaio 2017.
BENEFICIARI: potranno partecipare, presso lo stand della Regione Sardegna, in qualità di co espositori, un massimo di 18 aziende rientranti nelle seguenti tipologie: - strutture ricettive alberghiere classificate 3,4,e 5 stelle, aventi un minimo di 20 stanze; - catene alberghiere; - consorzi regolarmente costituiti e associazioni turistiche anche non riconosciute a
condizione che abbiano un proprio codice fiscale, aventi almeno 10 associati; -consorzi e associazioni di B&B regolarmente costituiti, aventi almeno 10 associati; - aziende ricettive all’aria aperta; - agenzie di viaggio incoming e tour operator regolarmente iscritti al registro regionale delle agenzie di viaggio; - società e servizi turistici; - gestori di Cav; - gestioni alberghiere; - attività di noleggio di autobus con conducente regolarmente iscritte nel Registro regionale delle imprese esercenti il noleggio di autobus con conducente; - società di gestione aeroportuali; - compagnie aeree e di navigazione.
SPESE: Sono a carico delle aziende le spese di viaggio, vitto e alloggio del personale alla manifestazione.
DOMANDE: Le aziende interessate dovranno inviare le adesioni entro le ore 10 del 5 dicembre 2016 tramite e-mail.

Chiedi Informazioni

Leggi tutto


Sardegna, parte oggi il Bando “Piccole e medie imprese efficienti”. Contributi fino al 65%.

SARDEGNA.PICCOLE.E.MEDIE.IMPRESE.EFFICIENTISardegna: al via da 29 novembre 2016 le domande per il bando “Piccole e medie imprese efficienti”.
Si tratta di un programma cofinanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico per la realizzazione di diagnosi energetiche nelle piccole e medie imprese (PMI) o per l’adozione di sistemi di gestione dell’energia conformi alle norme ISO 50001.
BENEFICIARI: L’avviso è rivolto alle piccole e medie imprese attive da almeno 2 anni e aventi sede operativa in Sardegna, che intendono realizzare un piano aziendale di miglioramento dell’efficienza energetica volta ad aumentare la competitività dell’impresa.
SETTORI AMMISSIBILI: Tutti i settori previsti dal Reg. (UE) n. 651/2014 (GBER) e dal Reg. (UE) n.1407/2013
PRIORITÀ: Azione 3.3.1. e Piano Energetico Ambientale Regionale della Sardegna
ESCLUSIONI: Esclusioni previste dal Reg. (UE) n. 651/2014 (GBER) e dal Reg. (UE) n.1407/2013, e  imprese ricadenti negli obblighi di cui all’art. 8 comma 3 del D.Lgs. n.
LIMITAZIONI: previste dal Reg. (UE) n. 651/2014 (GBER) e dal Reg. (UE) n.1407/2013
SPESE AMMISSIBILI: Diagnosi energetiche, Sistema di Gestione dell’energia ISO 50001, progetti di efficientamento energetico e cogenerazione
DIMENSIONE: Dimensione del piano aziendale Minimo Euro 15.000 - Massimo Euro 150.000-
CONTRIBUTO:  Sovvenzione a fondo perduto fino ad un massimo del 65% dei costi ammissibili.
PROCEDURA ISTRUTTORIA: a sportello.
DOMANDE: dal 29 novembre 2016 fino al 30 giugno 2017.

Chiedi Informazioni

Leggi tutto

Sardegna, Bandi Por Cultura: al via "Liber Lab", dedicato alle imprese editoriali. Scadenza 31 gennaio 2017.

SARDEGNA.LIBERLABSARDEGNA: BANDO "LIBERLAB": aiuti alle imprese editoriali : l’assessorato della Pubblica istruzione ha pubblicato un bando attraverso cui sostiene finanziariamente le imprese editoriali che realizzano progetti di internazionalizzazione nei mercati interessati alla lingua e alla cultura sarda.
FINALITA': attraverso il bando, l’assessorato intende promuovere progetti finalizzati a realizzare programmi integrati di sviluppo internazionale e collaborazioni con le realtà estere del mercato editoriale.
BENEFICIARI: imprese del settore dell’editoria in forma singola o associata,
SPESE AMMISSIBILI: spese per servizi di consulenza; spese per la partecipazione ad iniziative promozionali all’estero, sia fisiche che virtuali;  organizzazione di missioni incoming di buyer stranieri; predisposizione di materiale promozionale; servizi di comunicazione e informazione.
AMMONTARE DELLE SPESE AMMISSIBILI :  minimo Euro 15.000 - massimo Euro 150.000.
FINANZIAMENTI: progetti candidati a ricevere i finanziamenti, il cui ammontare complessivo è di 900mila euro, devono delineare un percorso chiaro, definito e strutturato di internazionalizzazione, con tre finalità: lo sviluppo della competitività delle imprese dell’editoria localizzate in Sardegna, la razionalizzazione dei costi e lo scambio di conoscenze e competenze.
FORMA AIUTO: Contributo a fondo perduto fino al 70% delle somme ammissibili.
PROGETTI FINANZIABILI: i progetti finanziabili dovranno elaborare un rapporto di ricerca che indichi il percorso di internazionalizzazione e sostenga la partecipazione a eventi di promozione internazionale, anche attraverso marketplace, l’organizzazione di missioni incoming di buyer stranieri, la predisposizione di materiale promozionale coordinato con il brand “Sardegna” e la realizzazione di sistemi innovativi di promozione del prodotto editoriale.
DOMANDE: la presentazione delle domande potrà avvenire dalle 12 del 6 dicembre alle 24 del 31 gennaio 2017.

Chiedi Informazioni

Leggi tutto

Sardegna: arriva "ScrabbleLab", con contributi a fondo perduto del 80% per progetti di Residenza artistico-creative. Domande dal 5 dicembre 2016 fino al 30 gennaio 2017

Sardegna.residenze.artistiche.creative.graffitiSARDEGNA Bando ScrabbleLab, sostegno finanziario per progetti di Residenza artistico - creative in Sardegna.
Si tratta di un nuovo bando che concede un sostegno alla realizzazione dei progetti di residenze artistiche e creative, concepite come esperienze di rinnovamento dei processi culturali, della qualità sociale, della partecipazione, della mobilità e del confronto artistico internazionale, ma anche di incremento dell’accesso all’offerta culturale e della qualificazione della domanda.
RESIDENZE ARTISTICO-CREATIVE IN SARDEGNA: l’impegno assunto dall’assessorato della Pubblica Istruzione con il bando appena pubblicato è di assicurare sostegno finanziario alle Micro, piccole e medie imprese culturali e creative in forma singola o associata, operanti nel settore delle arti visive – come cinema, arte multimediale e digitale, fotografia e street art – o delle performing arts – dal teatro alla musica e alla danza – per la qualificazione dell’offerta dei servizi e l’attrazione di nuove attività.
Attraverso il progetto, l’assessorato mira a favorire lo scambio di esperienze dei giovani artisti locali con le principali realtà del contesto internazionale, consentire l’apertura del territorio regionale alle reti artistiche internazionali attraverso una rete stabile di scambi e creare relazioni tra i diversi luoghi dello spettacolo con la messa in rete e l’interazione con gli ospiti delle produzioni realizzate durante le residenze.
CONTRIBUTO: Contributo a fondo perduto, a copertura parziale delle spese ritenute ammissibili, con massimali ed intensità determinati nell’80% dei costi ammissibili.
MASSIMALE: Importo progetto da un Minimo Euro 15.000,00 ad un Massimo Euro 150.000,00.
risorse: le risorse disponibili per il bando ammontano a complessivamente a 1milione di euro.
DOMANDE: Dal 5 dicembre 2016 al 30  gennaio 2017.


Sardegna "Voucher startup": avviato il bando per i contributi a fondo perduto fino al 90% delle spese per la competitività delle startup innovative in Sardegna. Massimale euro 100.000. Domande fino al 29 dicembre 2017.

VAUCHER  STARTUP.250 2SARDEGNA, "VOUCHER STARTUP": già avviato il Bando per le startup innovative.
BENEFICIARI: micro e piccole imprese regolarmente costituite come società di capitali, anche in forma cooperativa, da non più di 36 mesi al momento della presentazione della domanda, che dovranno presentare un piano di avvio caratterizzato da significativi elementi di innovatività.
FINALITA': nell’ambito delle attività dello “Sportello Startup”, Sardegna Ricerche con il presente bando intende sostenere la creazione e l’avvio di nuove iniziative imprenditoriali ad alto contenuto di conoscenza che siano in grado, attraverso la proposizione di nuovi prodotti, servizi e sistemi di produzione innovativi, di intercettare e presidiare nuove nicchie di mercato nonché di incidere positivamente rispetto agli obiettivi strategici individuati dalla Smart Specialization Strategy della Regione Autonoma della Sardegna.
VOUCHER: il bando eroga voucher destinati alle startup per sostenere e rafforzare la loro competitività, incentivando processi di innovazione di prodotto, servizio o processo.
AMBITI DI INTERVENTO: Si intende finanziare, le proposte provenienti da imprese operanti in qualsiasi settore dell’economia in considerazione degli ambiti specifici di ciascuna delle linee di finanziamento.
CONTRIBUTO: Il contributo a fondo perduto, concesso in regime "de minimis", può arrivare fino a un massimo del 90% dei costi ammissibili.
MASSIMALE: La dimensione del piano aziendale è compresa tra un minimo di 15.000 euro fino a un massimo di 100.000 euro.
DOMANDA: La procedura per la presentazione della domanda, partita a fine ottobre 2016, sarà attiva fino 29 dicembre 2017.

Sardegna: Bando "Culture Voucher": contributi alle imprese, fino a 15.000 euro per erogazione di servizi culturali,Domande dal 6 Dicembre 2016.

SARDEGNA  CULTURE VOUCHERCULTURE VOUCHER: Sardegna, contributi alle imprese per erogazione di servizi culturali.
La Regione sostiene la competitività delle imprese culturali isolane attraverso l'erogazione di voucher a sostegno dell'industria creativa.
Questa misura guarda alle imprese sociali e culturali, con particolare riguardo a quelle impegnate nella valorizzazione del nostro patrimonio culturale.
VOUCHER IMPRESE: le risorse vengono messe in campo per l’acquisto di servizi finalizzati all’avvio e al rafforzamento di attività imprenditoriali, a sostegno della competitività delle imprese e per la creazione di prodotti innovativi da immettere sul mercato.
BENEFICIARI: imprese del settore culturale. I beneficiari saranno le imprese sociali del settore culturale, così come i liberi professionisti che, in forma singola o associata, si impegnino nella valorizzazione del patrimonio culturale e nella ricerca ed erogazione dei servizi.
FINALITÀ:  aiuti per l’acquisto di servizi avanzati di consulenza e di sostegno all’innovazione. Si tratta di voucher per l’acquisto di servizi reali rivolti alle imprese operanti nel settore culturale, destinato alle micro, piccole e medie imprese in forma singola o associata che operano per la valorizzazione del patrimonio culturale e per l’erogazione dei servizi culturali.
OBIETTIVO: L’obiettivo del bando è quello di finanziare, fino al 75% - 50% a fondo perduto, la realizzazione dei servizi, in particolare: - servizi di consulenza in materia di innovazione e servizi di supporto all'innovazione;
- servizi di supporto all’innovazione organizzativa e all’introduzione di tecnologie dell’informazione e della comunicazione; - servizi di supporto all’innovazione di mercato.
SPESE AMMISSIBILI: A) Servizi di consulenza in materia di innovazione e servizi di supporto all'innovazione
B) Servizi di supporto all’innovazione organizzativa e all’introduzione di tecnologie dell’informazione e della
comunicazione; C) Servizi di supporto all’innovazione di mercato
RISORSE: Le risorse finanziare ammontano complessivamente a euro 2.000.000
CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO: Massimali previsti dal Regolamento n. 651/2014, artt. 18, 19, 20 e dal Regolamento n. 1407/2013
VOUCHER: i voucher sono concessi a fondo perduto a copertura parziale delle spese sostenute e ritenute ammissibili per la realizzazione di uno o più servizi tra quelli indicati all’articolo 5 del Bando, e comunque per un importo complessivo non superiore a Euro 15.000.
DOMANDE: dal 6 dicembre 2016 e fino al 10 marzo 2017

Chiedi Informazioni

Leggi tutto

Sardegna, Agricoltura: contributi fino al 70% per gli investimenti delle aziende agricole, PSR misura 4.1. Domande dal 28 novembre 2016 al 16 gennaio 2017.

SARDEGNA.PSR.MISURA.4.1PSR SARDEGNA MISURA 4.1: aiuti agli investimenti delle aziende agricole.
CONTRIBUTI: fino al 70% degli investimenti materiali e immateriali tesi al miglioramento delle prestazioni e della sostenibilità globale dell'azienda e al rispetto della normativa.
FINALITA': incoraggiare la ristrutturazione delle aziende agricole con problemi strutturali considerevoli, in particolare di quelle che detengono una quota di mercato esigua, delle aziende orientate al mercato in particolari settori e delle aziende che richiedono una diversificazione dell'attività.
BENEFICIARI: I beneficiari della sottomisura 4.1 sono le imprese agricole singole o associate in possesso dei seguenti requisiti: - essere iscritta nel registro delle imprese della C.C.I.A.A.; - essere iscritta all’Anagrafe delle aziende agricole.
- avere una dimensione economica aziendale uguale o superiore ad una soglia minima di 15.000 euro calcolata in termini di PST (Produzione Standard Totale).
PROGETTI FINANZIABILI:
Sono ammessi investimenti che: - migliorano le prestazioni e la sostenibilità globale dell’azienda agricola; - rispettano la pertinente legislazione comunitaria e nazionale.
BUSINESS PLAN: tali condizioni dovranno essere dimostrate in un business plan, il quale deve altresì dimostrare la sostenibilità economica dell’intero intervento.
INVESTIMENTO MASSIMO: il volume massimo di investimento per azienda (IVA esclusa, ma con spese generali), è fissato in € 1.200.000,00 per l’intera durata del PSR. Il volume massimo di investimento per progetto non può superare 12 volte la Produzione Standard Totale (PST) dell’azienda.
CONTRIBUTO:
Un contributo in conto capitale del 40% degli investimenti riconosciuti ammissibili per le aziende ricadenti in zone non svantaggiate e nella misura del 60% per quelle ricadenti in zone con svantaggi natural.
Per i giovani agricoltori le percentuali di aiuto possono raggiungere il 50% ed il 70%.La restante parte, sarà a totale carico dei beneficiari.
CONTRIBUTO MASSIMO: il contributo per singolo progetto non può essere comunque superiore a € 500.000,00.

DOMANDE: dal 28 novembre 2016 al 16 gennaio 2017

Chiedi Informazioni

Leggi tutto

Sardegna: in partenza dal 21 novembre il bando per i contributi a fondo perduto fino al 80% alle PMi per i servizi per l'innovazione

SARDEGNA.RICERCHE  Servizi per lInnovazione nelle MPMISARDEGNA: servizi per l'innovazione delle MPMI, sovvenzioni fino all'80% sulle spese di innovazione e di sostegno all'innovazione delle imprese per lo sviluppo di nuovi prodotti o processi produttivi.
FINALITA': Sostegno alla realizzazione di un Piano di innovazione aziendale, costituito da servizi di innovazione e di supporto all’innovazione.
BENEFICIARI: Micro Piccole e Medie Imprese operanti da almeno 2 anni che intendano realizzare un Piano di innovazione nel territorio regionale in uno dei settori ammessi e di seguito elencati.

PROGETTI AGEVOLABILI: la realizzazione di un Piano di innovazione coerente con la Smart Specialization Strategy (S3) regionale:
- che preveda lo sviluppo di un nuovo prodotto e/o processo di produzione;
- e solo per le imprese che hanno già realizzato interventi con il bando precedente, un Piano contenente servizi a supporto dell’innovazione organizzativa e di mercato.
VALORE DEL PIANO : Il valore del piano finanziabile deve essere compreso tra 15.000,00 € e 150.000,00 €.
SERVIZI AMMISSIBILI: I servizi relativi all'attività di promozione dell’azienda potranno riguardare esclusivamente la fase di consulenza concernente lo studio e progettazione dell’intervento.
NELLE CONSULENZE IN ICT: sono escluse spese relative ad assistenza e manutenzione ordinaria, abbonamento, allacciamento, canoni annui di hosting del server presso un provider o canoni di registrazione in motori di ricerca.
AGEVOLAZIONE CONCESSA: - sovvenzione, fino all’80% per i servizi previsti dall’art. 28 del Reg. (UE) n. 651/2014;
- fino al 50% per i servizi previsti dagli artt. 18 e 19 del Reg. (UE) n. 651/2014 (cfr.pg. 3).
DOMANDE: dal 21 novembre 2016 e fino al 11 del 31 marzo 2017.

Chiedi Informazioni

Leggi tutto

Sardegna: Microcredito fino a 25.000 euro per i giovani fino a 29 anni. Domande dal 28 novembre 2016.

SARDEGNAS.MICROCREDITO.GIOVANI.NEED.UNDER.29SARDEGNA: la misura prevede finanziamenti agevolati senza interessi e non assistiti da nessuna forma di garanzia reale e/o di firma, a sostegno di iniziative di autoimpiego ed autoimprenditorialità fino a 25.000 euro.
FINALITA': sostegno all’avvio di nuove iniziative imprenditoriali promosse da NEET, con propensione all’imprenditorialità e che per condizioni soggettive e oggettive si trovino in difficoltà di accesso al credito
BENEFICIARI: Giovani NEET che possiedono i seguenti requisiti: -avere aderito al Programma Garanzia Giovani e concluso il percorso di assistenza tecnica che vogliano avviare nel territorio regionale l’iniziativa imprenditoriale ideata durante la Misura 7; -essere disoccupati ai sensi del D. Lgs. n. 150/2015 e successive modifiche e integrazioni.
REQUISITI: i requisiti soggettivi, devono sussistere in capo al titolare in caso di ditta individuale, in capo ai soci che detengono almeno il 51% delle quote societarie in caso di società, e uno o più di questi stessi soci devono essere amministratori della Società.
PROPONENTI: IMPRESE GIA COSTITUITE O ANCHE NON ANCORA COSTITUITE: - Imprese individuali, Società di persone e Cooperative con un numero di soci fino a 9 costituite, nei 12 mesi antecedenti alla presentazione della domanda, purché inattive, o non ancora costituite; - associazioni professionali, società tra professionisti costituite da non più di 12 mesi rispetto alla data di presentazione della domanda purché inattive.
AGEVOLAZIONI:  Microcredito, compreso tra un minimo di 5.000 Euro e un massimo di 25.000 Euro, della durata massima di 60 mesi, a tasso zero
DOMANDE: dal giorno 28 novembre 2016 sino al 28 febbraio 2017

Chiedi Informazioni

Leggi tutto

Sardegna: dal 29 novembre le domande per il bando "PMI efficienti".

SARDEGNA.PICCOLE.E.MEDIE.IMPRESE.EFFICIENTISardegna: al via il bando pubblicato dall’Assessorato regionale dell’industria, il bando "Piccole e medie imprese efficienti".
Dal 29 novembre si potranno presentare le domande per il bando "PMI efficienti".
BANDO PMI EFFICIENTI: l’avviso è rivolto alle piccole e medie imprese attive da almeno 2 anni e aventi sede operativa in Sardegna, che intendono realizzare un piano aziendale di miglioramento dell’efficienza energetica volta ad aumentare la competitività dell’impresa.
ETTORI AMMISSIBILI: Tutti i settori previsti dal Reg. (UE) n. 651/2014 (GBER) e dal Reg. (UE) n.1407/2013
PRIORITÀ: Azione 3.3.1. e Piano Energetico Ambientale Regionale della Sardegna
SPESE AMMISSIBILI: Diagnosi energetiche, Sistema di Gestione dell’energia ISO 50001, progetti di efficientamento energetico e cogenerazione
DIMENSIONE: Dimensione del piano aziendale Minimo Euro 15.000 - Massimo Euro 150.000-
CONTRIBUTO:  Sovvenzione a fondo perduto fino ad un massimo del 65% dei costi ammissibili.
PROCEDURA ISTRUTTORIA: a sportello.
DOMANDE: dal 29 novembre 2016 fino al 30 giugno 2017.

Chiedi Informazioni

Leggi tutto


Sardegna: al via il nuovo bando per azioni cluster top-down per sviluppare iniziative di innovazione e trasferimento tecnologico

SARDEGNA.RICERCHE.PROGETTI.CLUSTER.TOP.DOWNSardegna:al via il bando per la realizzazione delle azioni cluster top-down, progetti che hanno l'obiettivo di sviluppare iniziative di innovazione e trasferimento tecnologico attraverso la sperimentazione e la collaborazione tra organismi di ricerca e imprese.
L'intervento si inserisce all'interno del POR FESR Sardegna 2014-2020 - Asse I "Ricerca Scientifica, Sviluppo e Innovazione".
SETTORI AMMESSI: i progetti selezionati dovranno appartenere ai settori individuati dalla Strategia di Specializzazione Intelligente (S3) definita dalla Regione Sardegna, ovvero: ICT, reti intelligenti per la gestione dell'energia, agroindustria, aerospazio, biomedicina, turismo, cultura e ambiente.
PROGETTI CLUSTER: i progetti cluster devono prevedere le seguenti fasi: ATTIVAZIONE CLUSTER: tale fase deve essere propedeutica alla presentazione della proposta di progetto per l'avviso. Gli organismi di ricerca dovranno condividere l'idea di progetto con il gruppo di imprese con cui intendono sviluppare le attività.
SVILUPPO DEL PROGETTO: gli organismi di ricerca, in collaborazione con le imprese aderenti al cluster, svilupperanno tutte le attività volte al raggiungimento dei risultati del progetto. Attraverso un programma di attività di sperimentazione, dimostrazione, scouting delle tecnologie, animazione e condivisione delle competenze, promozione del settore.
DIFFUSIONE DEI RISULTATI: le attività di diffusione dovranno essere rivolte alle imprese aderenti al cluster. Devono essere previste inoltre attività di pubblicazione e divulgazione rivolte a tutto il sistema imprenditoriale regionale.
BENEFICIARI: ì Progetti cluster top-down possono essere presentati da: - uno o più organismi di ricerca (se più, costituiti in associazione temporanea di impresa), che svolgerà il ruolo di soggetto attuatore;
- almeno cinque piccole e medie imprese e grandi imprese; - altri organismi di ricerca non regionali e soggetti, pubblici o privati che, per l'attività che svolgono, portano un contributo al progetto in qualità di partner.
AGEVOLAZIONE: ai soggetti attuatori del progetto sarà rimborsato il 100% dei costi ammessi, sostenuti per la realizzazione del progetto cluster.
CONTRIBUTO: al termine dei progetti sarà pubblicato un avviso per la promozione di programmi di servizi volti a finanziare le imprese che intendono investire sui risultati raggiunti.
DOMANDA: La domanda di partecipazione dovrà pervenire a Sardegna Ricerche entro il 31 gennaio 2017

Sardegna: successo del Bando "Aiuti alla Competitività per le Mpmi", in soli 10 giorni dall'apertura sono state già impegnate il 50% delle risorse disponibile.

SARDEGNA.POR.COMPETITIVITA 2Sardegna, il Bando "Aiuti alla competitività per le MPMI aperto dal 4 novempre 2016 ha incontrato un notevole successo fra le imprese, tanto che nei primi 10 giorni sono state presentate domande per un impegno del 50% dei fondi Disponibili.
Ricordiamo che il Bando è finalizzato a favorire l’aumento della competitività delle MPMI operative, attraverso la realizzazione di Piani di sviluppo orientati a sostenere:
-          il riposizionamento competitivo;
-          la capacità di adattamento al mercato.
Gli interventi ammessi sono i Piani finalizzati ad aumentare la competitività delle micro, piccole e medie imprese di valore compreso tra 15.000 e 150.000 euro, al netto di IVA, coperti per almeno il 25% con mezzi propri e/o finanziamenti di terzi.
AGEVOLAZIONI: Per la realizzazione del Piano sono previsti:
CONTRIBUTO: una sovvenzione a fondo perduto fino al 70% dei costi ammissibili, in base alla dimensione dell’impresa beneficiaria e dei Regolamenti comunitari applicati, calcolato sul valore dei costi ammissibili.
FINANZIAMENTO: finanziamento pubblico a condizioni di mercato e/o finanziamenti a condizioni privilegiate nelle seguenti modalità:
    a) finanziamento pubblico diretto, a condizioni di mercato, fino al 50% del valore del piano sviluppo  di impresa con il Fondo Competitività;
    b) condizioni privilegiate sui finanziamenti concessi dalle banche alle PMI a valere sui Plafond di Cassa depositi e prestiti S.p.A. per le finalità di cui all’articolo 3, comma 4-bis, del D.L. 5/2009 (concessione di finanziamenti, rilascio di garanzie).
DOMANDE: dal 4 novembre 2016 e fino al 31 dicembre 2016.

Chiedi Informazioni

Leggi tutto





Non hai chiesto tu l'iscrizione o non sei interessato a questa newsletter?
Cancella la tua iscrizione
 
Se la cancellazione automatica non dovesse funzionare, invia un'email con oggetto "CANCELLA" direttamente a: info@sardegnacontributi.it

Questa è un'email automatica, si prega di non rispondere.
Per informazioni scrivete a: info@sardegnacontributi.it
-------------------------------------------------------------------------------------------

© Copyright - SARDEGNA CONTRIBUTI Soc. Coop.
Tutti i diritti sono riservati
Vietato riprodurre, copiare o ripubblicare articoli e contenuti senza autorizzazione.

Se vuoi ripubblicare questo articolo sul tuo blog o sito internet puoi farlo citando la fonte, inserendo la dicitura "Questo articolo è stato originariamente pubblicato sul sito web www.sardegnacontributi.it" e includendo un link attivo diretto alla pagina dell'articolo.

 
 

Lombarda: Linea Innovazione sportello aperto dal 9 gennaio 2017. Agevolazioni alle Imprese. Finanziamenti al 100% minimo di 300 mila euro e fino a 7 milioni con contributi in conto interessi.

Informazioni

Appuntamenti

Abbonamenti

Spett. Andsoforever Droponsardegna, 
Vi inviamo la newsletter con le ultime novità in materia di agevolazioni finanziarie per le imprese.
Non esitate a contattarci per informazioni.

Chiedi Informazioni

Lombarda: Linea Innovazione sportello aperto dal 9 gennaio 2017. Agevolazioni alle Imprese. Finanziamenti al 100% minimo di 300 mila euro e fino a 7 milioni con contributi in conto interessi.

LOMBARDIA.LINEA.INNVOZANELombarda: linea innovazione sportello aperto dal 9 gennaio 2017.
LINEA INNOVAZIONE: L'iniziativa sostiene gli investimenti per l’innovazione di prodotto o di processo mediante la concessione, alle imprese lombarde con organico inferiore a 3.000 dipendenti, di un finanziamento abbinato ad un contributo in conto interessi.
SOTTOMISURE:Essa si compone di due sottomisure: la Sottomisura Prodotto e la Sottomisura Processo.
RISORSE: 110 milioni di euro
FINALITA': finanziamento degli investimenti per l’innovazione prodotto (realizzazione di un nuovo prodotto o miglioramento di un prodotto esistente) o l’innovazione di processo (introduzione di un metodo di produzione o di distribuzione nuovo o sensibilmente migliorato), che siano coerenti con la Strategia regionale di specializzazione intelligente per la ricerca e l’innovazione.
BENEFICIARI: PMI e MID CAP (grandi imprese con meno di 3.000 dipendenti) lombarde operative da almeno 24 mesi.
AGEVOLAZIONE: finanziamento abbinato ad un contributo in conto interessi.  L’Intervento Finanziario si compone di un finanziamento fino al 100% delle spese sostenute e di un contributo in conto interessi fino a 250 bps.
FINANZIAMENTO: Importo: Tra un minimo di € 300.000 e un massimo di € 7.000.000; Copertura: Fino al 100% delle spese sostenute per la realizzazione del Progetto; Tasso di interesse: Pari alla media ponderata dei tassi applicati alle risorse finanziarie messe a disposizione da Finlombarda S.p.A. e dagli intermediari convenzionati; Durata: Compresa tra un minimo di 3 anni e un massimo di 7 anni incluso l’eventuale preammortamento; Modalità di erogazione: tra il 20% e il 70% alla sottoscrizione del contratto di finanziamento, restante quota a saldo a conclusione del Progetto.
CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI: Fino ad un massimo di 250 punti base e comunque non oltre l'eventuale abbattimento totale del tasso.
DOMANDE: online dal 9 gennaio 2017.

CHIEDI INFORMAZIONI CHIEDI APPUNTAMENTO


Leggi tutto

Mise: Oltre 165 milioni per le aree in crisi industriale del Mezzogiorno.

AREE DI CRISI INDUSTRIALE:Pubblicato in Gazzetta il decreto del Ministro dello sviluppo economico che stanzia oltre 165 milioni di euro - di cui 80 dal Programma Operativo Nazionale Imprese e Competitività 2014-2020 - per  gli interventi di riconversione e riqualificazione  produttiva per le aree interessate da situazioni di crisi industriale.
LOCALITA' AMMESSE AI CONTRIBUTI: in particolare le risorse del PON saranno destinate al sostegno di programmi di investimento produttivo,  di  tutela ambientale  e di innovazione dell’organizzazione nelle zone in difficoltà economica delle Regioni:
BASILICATA, CALABRIA, CAMPANIA, PUGLIA E SICILIA.
DECRETO: Il decreto concerne l’integrazione delle risorse finanziarie destinate all’attuazione degli interventi di cui alla legge n. 181/1989 per la riconversione e riqualificazione produttiva di aree interessate da situazioni di crisi industriali.
AREE DI CRISI: Riconosciute cinque nuove aree di crisi industriale complessa:  Savona nella Regione Liguria (testo del decreto 21 settembre 2016); Terni - Narni nella Regione Umbria (testo del decreto 7 ottobre 2016); Frosinone nella Regione Lazio (testo del decreto 12 settembre 2016); Porto Vesme (testo del decreto 13 settembre 2016);  Porto Torres nella Regione Sardegna (testo del decreto 7 ottobre 2016); Il decreto è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.268 del 16 novembre 2016.
BENEFICIARI: imprese costituite in forma di società di capitali, ivi incluse le società cooperative e le società consortili.
INVESTIMENTI: gli investimenti devono prevedere spese per almeno 1,5 milioni di euro
CONTRIBUTI: le agevolazioni finanziarie possono coprire fino al 75% dell’investimento ammissibile con:contributo a fondo perduto in conto impianti; contributo a fondo perduto alla spesa; finanziamento agevolato.
ITER: si avvia così l’iter di predisposizione dei Progetti di riconversione e Riqualificazione Industriale (PRRI) delle aree con l’obiettivo di favorire: la ripresa delle attività industriali; la salvaguardia dei livelli occupazionali; il sostegno dei programmi di sviluppo l’attrazione di nuovi investimenti; la riqualificazione e il recupero ambientale; L’intervento prevede un’azione congiunta tra Amministrazioni centrali e regionali al fine di attivare i diversi strumenti messi in campo per il rilancio del territorio.

CHIEDI INFORMAZIONI CHIEDI APPUNTAMENTO


Leggi tutto

Liguria: dal 5 dicembre al via le domande per gli aiuti alle imprese per investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili. Domande dal 5 al 15 dicembre 2016

Ligueia.POR.FESR Azione311LIGURIA: La Giunta regionale ha approvato con deliberazione del 28 ottobre 2016 il bando "Aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili e accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale" nell'ambito dell'azione 3.1.1, Asse 3 - Competitività delle imprese, del Po Fesr Liguria 2014-2020.
FINALITA': sostenere la ripresa degli investimenti produttivi anche di tipo espansivo, connessi ai percorsi di consolidamento e diversificazione, al fine di conseguire un potenziamento della base produttiva regionale, il suo sviluppo tecnologico, la sua competitività e l'occupazione in generale.
BENEFICIARI: destinatari del bando sono le micro, piccole e medie imprese in forma singola o associata (forma cooperativa o consortile) che esercitano un’attività economica tra quelle individuate in coerenza con la S3 regionale.
Potranno partecipare anche i commercianti al dettaglio, ambulanti, attività di ristorazione, sportive e culturali.
INVESTIMENTI: gli investimenti ammessi ad agevolazione devono essere realizzati nell'ambito di strutture operative dell'impresa ubicate nel territorio della Regione Liguria e devono essere conclusi entro 12 mesi dal ricevimento del provvedimento di concessione.
INVESTIMENTO MINIMO: l'investimento ammissibile agevolabile non può essere inferiore a:25.000 euro per le micro e piccole imprese e a 50.000 euro per le medie imprese
RISORSE DISPONIBILI: le risorse assegnate al bando sono pari a 40.000.000 di euro.
INIZIATIVE AMMESSE: a) la realizzazione di nuove unità produttive; b) l’ampliamento di un’unità produttiva esistente; c) la diversificazione della produzione di un’unità produttiva esistente mediante prodotti nuovi aggiuntivi o la trasformazione radicale del processo produttivo di un’unità produttiva esistente.
AGEVOLAZIONI: previste agevolazioni con contributi a fondo perduto del 30% della spesa ammissibile per le micro imprese, del 20% per le piccole imprese e del 10% per le medie imprese con un taglio minimo da 25 mila euro e massimo da 50 mila.
L'importo massimo del contributo concedibile non può superare 200.000 euro.
CONTRIBUTO: l'agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto nella misura del: 30% della spesa ammissibile per le micro imprese; 20% della spesa ammissibile per le piccole imprese; 10% della spesa ammissibile per le medie imprese.
CONTRIBUTO MASSIMO: l'importo massimo del contributo concedibile non può superare 200.000 euro.
DOMANDE: le domande di ammissione all'agevolazione devono essere redatte esclusivamente online dal 5 dicembre 2016 al 15 dicembre 2016.

CHIEDI INFORMAZIONI CHIEDI APPUNTAMENTO


Leggi tutto

Calabria, "Pronti, Partenza, Via": in partenza la procedura digitale per la partecipazione ai bandi dedicati alle PMI.

Calabria.Por.Pronti.Partenza.e.ViaCALABRIA: PRONTI, PARTENZA, VIA!
La Regione Calabria avvia la procedura digitale per la partecipazione ai bandi dedicati alle PMI. La Calabria si presenta come una Regione al passo con i tempi.
POR CALBRIA: Con la procedura digitale per la partecipazione ai bandi del POR Calabria 2014-2020 dedicati alle PMI e ai professionisti, l'amministrazione calabrese segna un netto passo in avanti nella direzione dello snellimento e della velocizzazione dei processi burocratici.
PIATTAFORMA ON LINE: i Beneficiari Potenziali, infatti, potranno usufruire di una Piattaforma online per il caricamento e l'invio delle domande di partecipazione. Per farlo ogni partecipante dovrà registrarsi e compilare la propria domanda, anche in sessioni di lavoro successive, fino alla data stabilita per l'invio, il cosiddetto Click-Day.
Ogni bando avrà date diverse relative alla disponibilità della piattaforma informatica e al giorno per l'invio delle domande. Nel dettaglio i cinque bandi riguardano:
BANDO HORIZON 2020: 1,2 milioni di euro rivolti alle PMI per il sostegno nella partecipazione alle call previste dal Programma Horizon 2020 per iniziative di qualificazione delle risorse umane, ricerca Partner di progetto, assistenza specialistica per il miglioramento delle proposte, elaborazione di analisi e studi.
BANDO MACCHINARI E IMPIANTI: 10 milioni di euro a sostegno di investimenti nelle imprese calabresi, con priorità alle aree di innovazione della S3, per favorire i processi di rafforzamento e ristrutturazione aziendale, introdurre innovazioni produttive, migliorare l’efficienza energetica e accrescere la competitività.
BANDO PROGETTI R&S: 15 milioni di euro per la realizzazione di progetti di ricerca e sviluppo riferiti alle aree di innovazione della Smart Specialization (S3) della Regione Calabria, anche in collaborazione con enti di ricerca
BANDO INTERNAZIONALIZZAZIONE: 3,5 milioni di euro per incrementare e qualificare la quota di esportazione dei prodotti e dei servizi delle PMI sui mercati esteri, favorendo l’apertura del sistema produttivo calabrese, attraverso il sostegno alle azioni di comunicazione e alla partecipazione ad eventi e alla promozione di incontri bilaterali e partnership con operatori esteri.
BANDO ICT: 7 milioni di euro per promuovere l’adozione e l’utilizzazione, nelle PMI, di nuove tecnologie, innovazione nei processi e nell’erogazione di servizi al fine di incrementarne la produttività.

CHIEDI INFORMAZIONI CHIEDI APPUNTAMENTO


Leggi tutto

Emilia-Romagna: 3 milioni di euro per biodiversità e habitat naturali di alto pregio. Domande fino al 28 febbraio 2017.

Emilia Romagna biodiversità  habitat.naturaliEMILIA ROMAGNA:3 milioni di euro per biodiversità e habitat naturali di alto pregio.
FINALITA': Un’agricoltura più “verde” che tutela la biodiversità e gli elementi caratteristici del paesaggio agrario dell’Emilia-Romagna.
DUE BANDI approvati dalla Giunta regionale mettono a disposizione nel complesso 3 milioni di euro all’anno del Programma di sviluppo rurale 2014-2020 sotto forma di incentivi agli agricoltori, singoli o associati in cooperativa, e ad altri soggetti non agricoltori che aderiscono a programmi di lunga durata che prevedono l’adozione di pratiche ed interventi all’insegna della sostenibilità e della salvaguardia di ambienti naturali di alto pregio come zone umide, boschetti, maceri, siepi, risorgive e prati umidi.
IL PRIMO BANDO: con una dote di 1milione di euro per il 2016, è volto alla salvaguardia della biodiversità nelle aree di pianura e favorisce gli interventi finalizzati alla tutela della fauna e della flora selvatiche mediante la conservazione di elementi caratteristici del paesaggio agrario come appunto siepi, boschetti, stagni, ecc.. La durata dell’impegno è di dieci anni e agli agricoltori che aderiscono sarà erogato dal 2017 un contributo di 800 euro all’ettaro all’anno per la conservazione di siepi o boschetti che salgono a 1.000 euro all’ettaro all’anno per il mantenimemto di stagni o maceri.
IL SECONDO BANDO: che può contare su una dotazione di due milioni di euro, prevede invece il ritiro dei seminativi dalla produzione per un ventennio e il mantenimento di ecosistemi come prati umidi, complessi macchia radura o altri ambienti naturali. L’importo degli aiuti, in aumento rispetto ai bandi del 2015 per rendere gli interventi più attraenti per gli agricoltori, varia a seconda delle zone interessate: si va dai 500 euro per ettaro all’anno nel caso di macchia radura e/o ambienti con funzioni di collegamento ecologico nelle aree di collina e montagna ai 1.500 euro per i prati umidi, passando per i 1.000 euro - sempre per ettaro all’anno - nel caso di macchia radura in pianura.
Domande fino al 28 febbraio 2017. 

CHIEDI INFORMAZIONI CHIEDI APPUNTAMENTO


Leggi tutto

Lombardia: pubblicato il bando "Smart Living": contributi a fondo perduto alla filiera costruzioni legno-arredo casa, fino al 50% e fino al massimo di euro 800..000 per progetto. Domande dal 1 febbraio 2017.

SMART.LIVINGLOMBARDIA SMART LIVING: integrazione tra Produzione, Servizi e Tecnologia nella filiera costruzioni-legno-arredo-casa.
Si tratta di nuova iniziativa a sostegno della filiera integrata dell’edilizia high-tech: produzione, servizi e tecnologia. In attuazione della strategia “Lombardia 5.0: politiche per il consolidamento e la valorizzazione delle filiere eccellenti lombarde".
La Regione Lombardia mette a disposizione 15 milioni di euro per promuovere e supportare aggregazioni tra imprese del settore costruzioni, legno-arredo, elettrodomestici e domotica attraverso contributi a fondo perduto per finanziare i migliori progetti di investimento che sapranno coniugare il tradizionale know-how produttivo con le più avanzate tecnologie abitative.
PROGETTI AMMESSI: progetti di Sviluppo/Innovazione realizzati da partenariati di imprese dei settori Edilizia, Legno Arredo Casa, Elettrodomestici e High-tech in collaborazione con le Università. 
Sono ammissibili all’iniziativa progetti di sviluppo sperimentale e innovazione con effettive e comprovate ricadute nell’ambito della filiera “Smart Living”.
BENEFICIARI: Devono essere presentati progetti in partenariato. Il partenariato deve essere composto da un minimo di tre soggetti, di cui almeno due PMI ed un soggetto a scelta tra Università e Grandi imprese.
La composizione del Partenariato deve rispettare i seguenti requisiti:  a) le PMI partecipanti al Partenariato devono sostenere cumulativamente almeno il 60% delle spese totali ammissibili del Progetto di S&I;  b) ciascun Partner deve sostenere almeno il 10% delle spese totali ammissibili del Progetto di S&I.
RISORSE DISPONIBILI: € 15.000.000,00.
CONTRIBUTO: l’Agevolazione prevista dal Bando viene concessa nella forma di un contributo a fondo perduto.
L’Agevolazione concessa per singolo Progetto non potrà essere superiore ad Euro 800.000,00 e non potrà essere inferiore a 200.000,00.
PROCEDURA: L’istruttoria delle domande di partecipazione presentate viene effettuata sulla base di una procedura valutativa a sportello secondo l’ordine cronologico di presentazione delle stesse.
DOMANDE: a partire dal 01-02-2017.

CHIEDI INFORMAZIONI CHIEDI APPUNTAMENTO


Leggi tutto

Puglia: pubblicato il Terzo Avviso pubblico NIDI - Nuove Iniziative d'Impresa.

puglia.nidiPuglia: pubblicato il Terzo Avviso pubblico NIDI - Nuove Iniziative d'Impresa. La procedura si migliora e si innova.
NUOVE INIZIATIVE D'IMPRESA: Avviso per la presentazione delle istanze di accesso.
NIDI: è lo strumento con cui la Regione Puglia offre un aiuto per l'avvio di una nuova impresa con un contributo a fondo perduto e un prestito rimborsabile.
NUOVE INIZIATIVE DI IMPRESA: Con questo bando si intende disciplinare l’accesso alle agevolazioni e al finanziamento del Fondo da parte di soggetti svantaggiati in possesso di una buona idea d’impresa, che intendano avviare un’iniziativa imprenditoriale nella forma della microimpresa prevedendo un
programma di investimenti completo, organico e funzionale di importo complessivo compreso tra 10.000 e 150.000 Euro.
OBIETTIVO: agevolare l'autoimpiego di persone con difficoltà di accesso al mondo del lavoro.
Si può richiedere l'agevolazione per  avviare una nuova impresa o se si ha un'impresa costituita da meno di 6 mesi ed inattiva.

BENEFICIARI: L'impresa dovrà essere partecipata per almeno la metà, sia del capitale sia del numero di soci, da soggetti appartenenti ad almeno una delle seguenti categorie: giovani con età tra 18 anni e 35 anni, donne di età superiore a 18 anni, disoccupati che non abbiano avuto rapporti di lavoro subordinato negli ultimi 3 mesi, persone in procinto di perdere un posto di lavoro, lavoratori precari con partita IVA. Sono ammesse sia ditte individuali che società cooperativa con meno di 10 soci, Snc, Sas, associazione tra professionisti, Srl. Sono ammessi attività manifatturiere, artigianali e servizi diversi.
ATTIVITA' PROFESSIONALI: Le attività professionali (anche sanitarie) e di consulenza possono accedere alle agevolazioni esclusivamente in forma di associazione tra professionisti o società tra professionisti. Le associazioni professionali devono prevedere nello statuto una
partecipazione agli utili pari almeno al 50% da parte dei soggetti appartenenti a categorie
svantaggiate.
MASSIMALI: Progetti di investimento massimo fino a 150.000 €,  la copertura complessiva può arrivare al massimo fino al 100%.
AGEVOLAZIONE: è previsto un contributo a fondo perduto e finanziamento agevolato secondo vari paramentri indicati nella tabella sottostante.
PRESENTAZIONE DOMANDE PRELIMINARI: procedura aperta.

CHIEDI INFORMAZIONI CHIEDI APPUNTAMENTO


Leggi tutto

EuroTransBio, Biotecnologie, Pubblicato il bando: 3 milioni alle imprese per sviluppo e ricerca industriale, domande fino al 31 gennaio 2017.

Il dodicesimo bando bando è stato  pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 270 del 18 novembre 2016.
l Ministero dello Sviluppo Economico mette a disposizione 3 milioni di euro, a valere sul fondo FCS (Fondo per la Crescita Sostenibile), per supportare progetti transnazionali di innovazione industriale in tutti i campi applicativi delle biotecnologie. La scadenza per la presentazione delle domande è il 31 gennaio 2017.
Il bando mira a sostenere progetti di sviluppo sperimentale e ricerca industriale realizzati da imprese italiane in collaborazione con altre imprese europee, anche con il coinvolgimento di organismi di ricerca e diffusione della conoscenza.
Il bando nasce dal coordinamento tra diversi Paesi e Regioni europei nell'ambito dell'iniziativa EuroTransBio e richiede la collaborazione tra almeno 2 imprese di nazionalità diversa.
BENEFICIARI: raggruppamenti composti da almeno 2 imprese provenienti da almeno 2 Paesi partecipanti ad ETB e coordinati da una PMI, che si assume una parte significativa di attività. Ai raggruppamenti di progetto possono partecipare anche organismi di ricerca e diffusione della conoscenza, purché sia coinvolta un’impresa del corrispondente Paese.
PAESI, in quali Paesi si possono trovare partner: Austria, Belgio (Regione delle Fiandre), Finlandia, Francia (Regione dell’Alsazia), Germania, Federazione Russa.
PROGETTI AMMESSI: il bando offre la possibilità di co-finanziare progetti di sviluppo sperimentale e ricerca industriale, caratterizzati da eccellenza e innovatività.
AGEVOLAZIONI: Le agevolazioni sono concesse nella forma di finanziamento agevolato e di un contributo alla spesa, così articolate:
a) finanziamento agevolato: 60 per cento per le PMI; 50 per cento per le imprese di grande dimensione. Il finanziamento agevolato non è assistito da forme di garanzia.
b) contributo alla spesa, così articolato: contributo integrativo alla spesa, in misura pari al 10 per cento nominale delle spese riconosciute ammissibili; contributo maggiorativo, in misura pari al 5 per cento nominale delle spese riconosciute ammissibili, esclusivamente per le PMI.
DOMANDE: dal giorno successivo alla pubblicazione del bando nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana (Il bando è stato  pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 270 del 18 novembre 2016) e fino al 31 gennaio 2017.

CHIEDI INFORMAZIONI CHIEDI APPUNTAMENTO


Leggi tutto

Fondo Centrale di Garanzia per le PMI: riattivata la sezione speciale per le imprese femminili. Aperta la possibilità di presentare le domande per la prenotazione della garanzia a favore delle imprese femminili e delle professioniste.

MISE.L.662.FONDO.DI.GARANZIA.IMPRESE.FEMMINILIRiattivata la Sezione Speciale, riparte la prenotazione per imprese femminili e professioniste.
LE IMPRESE FEMMINILI E LE PROFESSIONISTE possono nuovamente effettuare la prenotazione della garanzia a seguito dello stanziamento di nuove risorse che ha consentito la riattivazione della Sezione Speciale “Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità.
DOMANDA DI GARANZIA: La possibilità di ricorrere alla prenotazione, subordinata all’operatività della Sezione Speciale, consente alle imprese femminili e alle professioniste di presentare la domanda garanzia direttamente al Gestore del Fondo e, una volta ottenuta la delibera positiva, di rivolgersi a banche, confidi, intermediari ecc. per la conferma della garanzia stessa.
NUOVE RISORSE: le nuove risorse della Sezione Speciale saranno utilizzate esclusivamente per la concessione di garanzie a favore dei citati beneficiari finali che accedono al Fondo tramite richiesta di prenotazione.
SEZIONE SPECIALE IMPRESE FEMMINILI: è' operativa fin dal 14 gennaio 2014 la Sezione Speciale della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le Pari Opportunità finalizzata agli interventi a favore di imprese femminili le cui risorse si erano esaurite, ma ora sono state ripristinate.
Ferme restando le percentuali massime di copertura del Fondo previste dalle Disposizioni Operative, le risorse della Sezione Speciale sono impiegate per interventi di garanzia diretta, controgaranzia e cogaranzia del Fondo mediante compartecipazione alla copertura del rischio.
DOMANDE: Sportello aperto fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

CHIEDI INFORMAZIONI CHIEDI APPUNTAMENTO


Leggi tutto

Toscana: Attivato intervento per area di crisi costiera livornese: domande a partire dal 6 febbraio 2017

MISE.LIVORNOToscana: Attivato intervento per area di crisi costiera livornese.
il Mise mette a disposizione 10 milioni per i progetti di riconversione e riqualificazione
In attuazione del “Progetto di riconversione e riqualificazione industriale dell’area di crisi industriale complessa del Polo produttivo ricompreso nei Comuni di Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo”, approvato con Accordo di programma del 20 ottobre 2016, è stato attivato, con circolare del Direttore generale per gli incentivi alle imprese 4 novembre 2016, n. 107080, l’intervento di aiuto ai sensi della legge n. 181/1989.
LA MISURA: in sintesi, promuove la realizzazione di una o più iniziative imprenditoriali nell’area di crisi costiera livornese, finalizzate al rafforzamento del tessuto produttivo locale e all’attrazione di nuovi investimenti.

Presentazione della domanda. Le domande di accesso alle agevolazioni potranno essere presentate all’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa S.p.a. – Invitalia (Soggetto gestore) a partire dal 6 febbraio 2017 e fino al 7 marzo 2017, secondo le modalità e i modelli indicati nell’apposita sezione dedicata alla legge n. 181/1989 del sito internet dell’Agenzia medesima (www.invitalia.it).

INIZIATIVE E SETTORI DI ATTIVITÀ AMMISSIBILI: sono ammissibili alle agevolazioni, purché realizzate nel territorio dei Comuni di Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo, le iniziative che:
a) prevedano la realizzazione di programmi di investimento produttivo e/o programmi di investimento per la tutela ambientale, eventualmente completati da progetti per l’innovazione dell’organizzazione, con spese ammissibili non inferiori a 1,5 milioni di euro;
b) comportino un incremento degli addetti dell’unità produttiva oggetto del programma di investimento.
Nell’ambito delle attività ammissibili alle agevolazioni della legge n. 181/1989 e tenuto conto di quanto previsto in materia dall’Accordo di programma 20 ottobre 2016, la circolare individua alcuni ambiti produttivi prioritari.
AGEVOLAZIONI CONCEDIBILI:  Le agevolazioni sono concesse nella forma del contributo in conto impianti, dell’eventuale contributo diretto alla spesa e del finanziamento agevolato, entro i limiti previsti dal regolamento (UE) n. 651/2014 (“Regolamento GBER”).
In particolare, il finanziamento agevolato concedibile è pari al 50% degli investimenti ammissibili.
Il contributo in conto impianti e l’eventuale contributo diretto alla spesa sono complessivamente di importo non inferiore al 3% della spesa ammissibile.
PROCEDIMENTO: l’iter istruttorio prevede essenzialmente tre fasi:
1) verifica, per tutte le domande presentate, della sussistenza dei requisiti per l’accesso alle agevolazioni;
2) definizione di una specifica graduatoria, sulla base dei parametri di riferimento costituiti dall’incremento del numero degli addetti delle imprese proponenti e dai loro ambiti produttivi; 
3) valutazione delle domande, secondo l’ordine della graduatoria e fino all’esaurimento dei fondi disponibili, sulla base di specifici criteri di merito individuati dal D.M. 9 giugno 2015.
RISORSE FINANZIARIE DISPONIBILI: le risorse finanziarie disponibili ai fini della concessione delle agevolazioni ammontano a 10 milioni di euro, a valere sulle risorse della legge n. 181/1989.
DOMANDE: presentazione della domanda. Le domande di accesso alle agevolazioni potranno essere presentate a partire dal 6 febbraio 2017 e fino al 7 marzo 2017.

CHIEDI INFORMAZIONI CHIEDI APPUNTAMENTO


Leggi tutto

Sicilia: contributi alle imprese agricole per il Sostegno a investimenti nelle aziende agricole”, Misura 4.1 del PSR 2014-2020.

sicilia.psr.sottomisura.4.1SICILIA:Misura 4.1 del PSR 2014-2020. Approvate le disposizioni attuative della sottomisura 4.1 “Sostegno a investimenti nelle aziende agricole”.
Si tratta di contributi per le aziende agricole, singole e associate, che realizzano investimenti destinati a migliorare le prestazioni economiche delle aziende stesse e la loro sostenibilità.
RISORSE: la dotazione finanziaria complessiva per tutta la durata della programmazione è di € 424.000.000.
FINALITA': ammodernamento del sistema produttivo agricolo ed agroalimentare attraverso un regime di sostegno per le imprese agricole che realizzano investimenti materiali o immateriali,  per il miglioramento del rendimento globale  e per il riposizionamento delle imprese sui
mercati.
BENEFICIARI: agricoltori, persone fisiche e giuridiche (imprenditore individuale, società agricola di persone, capitali o cooperativa), le associazioni di agricoltori e reti di imprese di agricoltori costituite in conformità alla legislazione vigente.
INTERVENTI AMMESSI: acquisizione, costruzione e/o miglioramento di beni immobili al servizio dell’attività di produzione, di allevamento, di lavorazione, di trasformazione e di commercializzazione dei prodotti e per ricovero macchine ed attrezzature.
LOCALIZZAZIONE: Potranno essere ammesse al finanziamento le iniziative progettuali riguardanti interventi nelle aziende agricole ubicate nell'intero territorio della Regione Sicilia.
CONTRIBUTO: Il livello contributivo è pari al 50% del costo dell’investimento ammissibile; l’aliquota di cui sopra sarà maggiorata di un ulteriore 20% in diversi casi.
MASSIMALE INVESTIMENTO: la dimensione finanziaria massima dell’investimento complessivo ammesso a finanziamento per ciascuna iniziativa nell’ambito della presente sottomisura per il periodo di programmazione 2014-2020 non potrà eccedere 3.000.000,00 euro per gli investimenti riguardanti la fase produttiva e 5.000.000 euro nel caso di investimenti di filiera (con almeno una tra le fasi di lavorazione, di trasformazione e commercializzazione prodotti).
DOMANDE: le modalità e i temini delle presantazione delle domande saranno indicati nei Bandi di prossima publicazione.

CHIEDI INFORMAZIONI CHIEDI APPUNTAMENTO


Leggi tutto

Liguria: Al via bando da 40 milioni per imprese e professionisti

Ligueia.POR.FESR Azione311LIGURIA: Al via bando da 40 milioni per imprese e professionisti
Fondi provenienti dall'azione 3.1.1 del Por Fesr per investimenti realizzati da micro, piccole e medie imprese nell’ambito della smart specialization strategy regionale.
FINALITA': Il bando sostiene la ripresa degli investimenti produttivi anche di tipo espansivo, connessi ai percorsi di consolidamento e diversificazione, al fine di conseguire un potenziamento della base produttiva regionale, il suo sviluppo tecnologico, la sua competitività e l'occupazione in generale.
RISORSE: 40 milioni di euro per per investimenti destinati a micro, piccole e medie imprese nell'ambito della smart specialization strategy regionale.
Si tratta di un bando, approvato dalla Giunta, con fondi dell'azione 3.1.1 del Por Fesr 2014-2020, il fondo europeo di sviluppo regionale. E' una misura molto attesa e con il budget più importante del 2016 estesa anche al mondo dei professionisti per investimenti sull'innovazione e nell'ammodernamento dei processi.
INVESTIMENTI: L'investimento ammissibile agevolabile non può essere inferiore a: 25.000 euro per le micro e piccole imprese E 50.000 euro per le medie imprese.
INIZIATIVE AMMESSE: a) la realizzazione di nuove unità produttive; b) l’ampliamento di un’unità produttiva esistente; c) la diversificazione della produzione di un’unità produttiva esistente mediante prodotti nuovi aggiuntivi o la trasformazione radicale del processo produttivo di un’unità produttiva esistente.
AGEVOLAZIONI: previste agevolazioni con contributi a fondo perduto del 30% della spesa ammissibile per le micro imprese, del 20% per le piccole imprese e del 10% per le medie imprese con un taglio minimo da 25 mila euro e massimo da 50 mila.
L'importo massimo del contributo concedibile non può superare 200.000 euro.
BENEFICIARI: I destinatari del bando sono le micro, piccole e medie imprese in forma singola o associata (forma cooperativa o consortile) che esercitano un’attività economica tra quelle individuate in coerenza con la S3 regionale.
Potranno partecipare anche i commercianti al dettaglio, ambulanti, attività di ristorazione, sportive e culturali.
DOMANDE: Il bando sarà aperto dal 5 al 15 dicembre 2016.

CHIEDI INFORMAZIONI CHIEDI APPUNTAMENTO


Leggi tutto

Biotecnologie, 3 milioni alle imprese per sviluppo e ricerca industriale. Domande entro il 31 gennaio 2017.

Biotecnologie, 3 milioni alle imprese per sviluppo e ricerca industriale.
EUROTRANSBIO: L'Italia partecipa al dodicesimo bando EuroTransBio con un budget di tre milioni di euro.
MISE: il Ministero dello Sviluppo Economico mette a disposizione 3 milioni di euro, a valere sul fondo FCS (Fondo per la Crescita Sostenibile), per supportare progetti transnazionali di innovazione industriale in tutti i campi applicativi delle biotecnologie.
BANDO: Il bando nasce dal coordinamento tra diversi Paesi e Regioni europei nell'ambito dell'iniziativa EuroTransBio e richiede la collaborazione tra almeno 2 imprese di nazionalità diversa. Il bando è in corso di registrazione alla Corte dei conti, per successiva pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
OBIETTIVO: sostenere progetti di sviluppo sperimentale e ricerca industriale realizzati da imprese italiane in collaborazione con altre imprese europee, anche con il coinvolgimento di organismi di ricerca e diffusione della conoscenza.
BENEFICIARI: raggruppamenti composti da almeno 2 imprese provenienti da almeno 2 Paesi partecipanti ad ETB e coordinati da una PMI, che si assume una parte significativa di attività. Ai raggruppamenti di progetto possono partecipare anche organismi di ricerca e diffusione della conoscenza, purché sia coinvolta un’impresa del corrispondente Paese.
PAESI, in quali Paesi si possono trovare partner: Austria, Belgio (Regione delle Fiandre), Finlandia, Francia (Regione dell’Alsazia), Germania, Federazione Russa.
PROGETTI AMMESSI: il bando offre la possibilità di co-finanziare progetti di sviluppo sperimentale e ricerca industriale, caratterizzati da eccellenza e innovatività.
AGEVOLAZIONI: Le agevolazioni sono concesse nella forma di finanziamento agevolato e di un contributo alla spesa, così articolate:
a) finanziamento agevolato: 60 per cento per le PMI; 50 per cento per le imprese di grande dimensione. Il finanziamento agevolato non è assistito da forme di garanzia.
b) contributo alla spesa, così articolato: contributo integrativo alla spesa, in misura pari al 10 per cento nominale delle spese riconosciute ammissibili; contributo maggiorativo, in misura pari al 5 per cento nominale delle spese riconosciute ammissibili, esclusivamente per le PMI.
DOMANDE: dal giorno successivo alla pubblicazione del bando nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e fino al 31 gennaio 2017.

CHIEDI INFORMAZIONI CHIEDI APPUNTAMENTO


Leggi tutto

Piemonte: modificato il bando per il sostegno alle startup innovative. Scadenza 31 dicembre 2016.

PIEMONTE.START.UP.INNOVATIVE.2Piemonte: la regione ha modificato il bando “servizi di sostegno alle start up innovative spin off della ricerca pubblica”, rivolto ad aspiranti imprenditori o team imprenditoriali composti da ricercatori, soggetti con età inferiore o eguale a 40 anni, soggetti disoccupati che intendono avviare nuove attività imprenditoriali innovative.
MODIFICA: Il Bando viene modificato esclusivamente per la parte afferente la procedura di presentazione delle domande a valere sulla Misura 7 rivolta alle neo startup innovative.
MISURE ATTIVE: Il bando prevede l'attivazione di tre misure.:
MISURA 5) Servizi consulenziali ad aspiranti imprenditori (assistenza ex ante), attività di formazione e consulenza/tutoraggio nei confronti degli aspiranti imprenditori (o team imprenditoriali) finalizzata alla verifica della effettiva validità dell’idea e alle sue concrete possibilità di trasformarsi in impresa, fino alla redazione del business model/business plan.
MISURA 6) Consulenza e tutoraggio ex post a favore di aspiranti imprenditori/start up neo costituite
MISURA 7) Sostegno finanziario alle nuove start up innovative, nate dai servizi forniti dagli incubatori universitari pubblici.
BENEFICIARI: Per l’accesso alle attività previste sono ammessi a presentare domanda: a. I ricercatori di provenienza accademica che propongono un progetto innovativo; b. Soggetti che propongono un progetto innovativo Soggetti che devono avere età inferiore o eguale a 40 anni alla data di accoglimento del servizio ed essere in possesso di un diploma di scuola superiore con curriculum coerente con il progetto presentato. Il team imprenditoriale dovrà essere composto da almeno 2 persone con competenze complementari;  c. Soggetti disoccupati ed inoccupati che propongono un progetto innovativo
Soggetti che devono essere disoccupati o inoccupati all’atto di accoglimento al servizio ed essere in possesso di un diploma di scuola superiore con curriculum coerente con il progetto presentato. Il team imprenditoriale dovrà essere composto da almeno 2 persone con competenze complementari.
SERVIZI OFFERTI: Misura 5: Servizi consulenziali ad aspiranti imprenditori (assistenza ex ante), attività di formazione e consulenza/tutoraggio nei confronti degli aspiranti imprenditori (o team imprenditoriali) finalizzata alla verifica della effettiva validità dell’idea e alle sue concrete possibilità di trasformarsi in impresa, fino alla redazione del business model/business plan. Misura 6): Consulenza e tutoraggio ex post a favore di aspiranti imprenditori/start up neo costituite. MISURA 7): Sostegno finanziario alle nuove start up innovative, nate dai servizi forniti dagli incubatori universitari pubblici. La Misura 7 prevede la concessione di:
- un contributo forfetario “in conto esercizio” di € 4.000,00 alle neo start up innovative a copertura delle spese relative alla costituzione e alle prime fasi di attività;
- un contributo forfetario “in conto esercizio” di € 5.000,00 alle neo imprese che realizzano un progetto di innovazione sociale a copertura delle spese relative alla costituzione e alle prime fasi di attività.
DOMANDA: Il termine ultimo per la presentazione delle domande relative alla Misura 7 è il 31.12.2016.

CHIEDI INFORMAZIONI CHIEDI APPUNTAMENTO


Leggi tutto

SABATINI TER: in Legge di Stabilità il rifinanziamento della Sabatini ter fino al 31 dicembre 2018. Previsto anche un contributo maggiorato del 30%.

SABATINI.TER.2018SABATINI TER AL 2018: sostegno agli investimenti delle PMI con agevolazioni per gli investimenti in beni strumentali rifinanziata fino al 31 dicembre  2018.
Inserito nella legge di Stabilità il rifinanziamento fino al 31 dicembre 2018 della "Sabatini Ter", la misura agevolativa per le PMI che effettuano investimenti in Beni strumentali o tecnologia digitale.
RISORSE: previsto il rifinanziamento con 560 milioni di euro fino al 2023.
TERMINE: Il termine per la concessione dei finanziamenti per l’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature da parte delle piccole e medie imprese di cui all’articolo 2, comma 2, del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 98, è prorogato fino al 31 dicembre 2018.
CONTRIBUTO MAGGIORATO DEL 30%:  Al fine di favorire la transizione del sistema produttivo nazionale verso la manifattura digitale e di incrementare l’innovazione e l’efficienza del sistema imprenditoriale, anche tramite l’innovazione di processo e/o di prodotto, le imprese di micro, piccola e media dimensione possono accedere ai finanziamenti e ai contributi di cui all’articolo 2, del decreto-legge 21 giugno 2013, n.69, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 98, per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica aventi come finalità la realizzazione di investimenti in tecnologie, quali gli investimenti in big data, cloud computing, banda ultralarga, cybersecurity, robotica avanzata e meccatronica, realtà aumentata, manifattura 4D, Radio frequency identification (RFID).
A fronte della realizzazione di investimenti aventi le finalità suddette, il contributo di cui all’articolo 2, comma 4, del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 98, è concesso con una maggiorazione pari al 30 per cento della misura massima ivi stabilita.  La finalità è quella di incentivare la manifattura digitale incrementando l’innovazione e l’efficienza delle imprese anche tramite l’innovazione di processo e/o di prodotto agevolando con un contributo aggiuntivo del 30% l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature per la realizzazione di investimenti in tecnologie come big data, cloud computing, banda ultralarga, cybersecurity, robotica avanzata e meccatronica, realtà aumentata, manifattura 4D, Radio frequency identification (RFID).
Con successiva circolare del Ministero dello sviluppo economico saranno fornite le istruzioni utili alla corretta attuazione degli interventi suddetti.
SABATINI TER: Ricordiamo che Lo strumento agevolativo “Beni strumentali – Nuova Sabatini”, istituito dal decreto-legge del Fare (art. 2 n. 69/2013), agevola l’acquisto da parte delle PMI di nuovi macchinari, impianti e attrezzature, tramite l'erogazione di un contributo in conto interessi, a fronte di finanziamenti attivati con le banche e gli intermediari finanziari aderenti all’Addendum alla Convenzione 2016 tra Ministero dello sviluppo economico, Cassa Depositi e Prestiti (CDP) e Associazione Bancaria Italiana (ABI).
OBIETTIVO: Accrescere la competitività del sistema produttivo del Paese e migliorare l’accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese (PMI) per l’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature.
BENEFICIARI: micro, piccole e medie imprese
AGEVOLAZIONE: contributo in favore delle PMI, che copre parte degli interessi a carico delle imprese sui finanziamenti bancari di importo compreso tra 20.000 e 2 milioni di Euro.
CONTRIBUTO: il contributo è pari all’ammontare degli interessi, calcolati su un piano di ammortamento convenzionale con rate semestrali, al tasso del 2,75% annuo per cinque anni.
GARANZIA: Le PMI hanno inoltre la possibilità di beneficiare della garanzia del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese, fino alla misura massima prevista dalla normativa (80% dell’ammontare del finanziamento bancario, con priorità di accesso.
Domande: in attesa della pubblicazione delle disposizioni applicative.

CHIEDI INFORMAZIONI CHIEDI APPUNTAMENTO


Leggi tutto

 
 
 

Maggiori Informazioni

Per richieste di appuntamento urgenti potete contattarci direttamente al 328 8080996 - 348 3431979


VI INTERESSANO AGEVOLAZIONI FINANZIARIE DI UNA REGIONE PARTICOLARE?

 
-------------------------------------------------------------------------------------------
Non hai chiesto tu l'iscrizione o non sei interessato a questa newsletter?
Cancella la tua iscrizione


Se la cancellazione automatica non dovesse funzionare, invia un'email con oggetto "CANCELLA" direttamente a: info@italiacontributi.it

Questa è un'email automatica, si prega di non rispondere.
Per informazioni scrivete a: info@italiacontributi.it

-------------------------------------------------------------------------------------------
 

© Copyright - ITALIA CONTRIBUTI S.R.L.
Tutti i diritti sono riservati
Vietato riprodurre, copiare o ripubblicare articoli e contenuti senza autorizzazione.

Se vuoi ripubblicare questo articolo sul tuo blog o sito internet puoi farlo citando la fonte, inserendo la dicitura "Questo articolo è stato originariamente pubblicato sul sito web www.italiacontributi.it" e includendo un link attivo diretto alla pagina dell'articolo.